ELEZIONI 12 GIUGNO 2022 - adempimenti per propaganda elettorale e comunicazione politica.

Data di pubblicazione:
03 Maggio 2022
Immagine non trovata

 

Principali adempimenti prescritti dalla normativa vigente in materia di propaganda elettorale e comunicazione politica

Con circolare n.37/2022 del 22 aprile scorso, i Servizi Elettorali riepilogano, con riferimento ai cinque referendum abrogativi ex art. 75 della Costituzione e al turno ordinario di elezioni amministrative che si svolgeranno domenica 12 giugno 2022, i principali adempimenti prescritti dalla normativa vigente in materia di propaganda elettorale e comunicazione politica, con l’indicazione, anche ai fini dei medesimi adempimenti, dei partiti e gruppi politici rappresentati in Parlamento e dei delegati dei promotori dei referendum stessi.

Referendum: domande per assegnazione spazi per manifesti

Nello specifico, si evidenzia che ai sensi dell’art. 52 comma 4 della legge 352/1970 e dell’art. 4 comma 1 della legge 212/1956, i partiti o gruppi politici rappresentati in Parlamento e il gruppo di promotori dei referendum che intendano affiggere stampati, giornali murali od altri e manifesti di propaganda per i referendum stessi devono presentare alla giunta comunale istanza di assegnazione dei relativi spazi entro il 34° giorno antecedente quello della votazione, e quindi entro lunedì 9 maggio 2022.

Avendo luogo contemporaneamente più referendum, a ciascun partito o gruppo politico rappresentato in Parlamento, agli effetti delle affissioni dei manifesti di propaganda, spetta un unico spazio da richiedere con unica domanda, mentre ai promotori di ciascun referendum spetta, ai medesimi effetti, previa domanda, uno spazio per ogni referendum.

Le domande di assegnazione degli spazi devono essere fatte pervenire al comune, entro il suddetto termine, mediante consegna a mano o con posta ordinaria o posta elettronica certificata oppure, ove necessario, anche a mezzo fax.

Referendum: delimitazione ed assegnazione degli spazi di propaganda

Le Giunte comunali, pertanto, ai sensi degli artt. 23 e 4 della legge 212/1956 citata, devono provvedere a individuare, delimitare e ripartire gli spazi per l’affissione di stampati, giornali murali od altri e di manifesti di propaganda – assegnandone uno ai partiti o gruppi politici rappresentati in Parlamento che ne abbiano fatto domanda e uno per ciascun referendum al gruppo di promotori che pure ne abbia fatto domanda – tra il 33° e il 31° giorno precedente quello della votazione, e quindi tra martedì 10 e giovedì 12 maggio 2022.

 

 

 

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 04 Maggio 2022